Sfidare la zona di comfort: l’arte di stare scomodi

Oggi voglio condividere con voi una riflessione sulla mia esperienza professionale e sul come lo “stare scomodo” mi abbia aiutato e mi aiuti tuttora a crescere sia a livello personale che professionale.

“Stare scomodo” significa uscire dalla propria zona di comfort, quella zona sicura e familiare in cui ci sentiamo a nostro agio. Ma è proprio lì, nell’incontro con l’ignoto, che si cela la possibilità di crescita e di apprendimento.

Nel mio percorso di formatore, ho sempre cercato di fare cose nuove, di imparare e di mettermi alla prova. Quando mi sento comodo, mi preoccupo: ho come l’impressione di non crescere e di non imparare. È proprio in quei momenti che decido di “mettermi scomodo”, di affrontare nuove sfide e di sperimentare nuove metodologie.

Ecco perché voglio incoraggiare ognuno di voi a fare lo stesso.

Mettetevi scomodi, osate e siate disposti a sbagliare. Solo così potrete scoprire nuove opportunità e ampliare i vostri orizzonti.

Non dimenticate che la crescita avviene al di fuori della nostra zona di comfort, e spesso le lezioni più preziose derivano dalle esperienze più difficili.

Che ne pensate? Quali sono le vostre “posizioni scomode”, le sfide che avete affrontato e come vi hanno aiutato a crescere?

Sono un coach e un formatore, posso aiutarti nello sviluppo delle soft skill, nella vendita e nel marketing. I miei percorsi sono sia individuali che di team. Contattami per saperne di più: antonio@sanna.coach

Antonio Sanna

Coach | Formatore


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *