Le persone non fanno le cose apposta

Nel corso della mia esperienza come coach e consulente, mi sono imbattuto in una frase che ha risuonato profondamente con me e con molti dei miei coachee: “Le persone non fanno le cose apposta.” Questa semplice ma potente affermazione apre una finestra su un concetto cruciale nella psicologia e nella comunicazione interpersonale: l’errore fondamentale di attribuzione.

L’Errore Fondamentale di Attribuzione

Questo errore si verifica quando attribuiamo automaticamente le azioni o i comportamenti di qualcuno ai tratti della sua personalità, trascurando l’ambiente o le circostanze esterne che potrebbero aver influenzato tali azioni. Per esempio, quando un collega manca una scadenza, è facile etichettarlo subito come pigro o disorganizzato. Tuttavia, ciò che spesso trascuriamo sono le potenziali ragioni legittime dietro a quel comportamento, come un sovraccarico di lavoro o una crisi personale.

La Distorsione Cognitiva e i Conflitti

Riconoscere questa distorsione cognitiva non è solo un esercizio di autoconsapevolezza; è anche il primo passo per ridurre i conflitti sia nella vita professionale che personale. Quando iniziamo a vedere oltre i nostri giudizi iniziali e consideriamo le molteplici dimensioni dietro le azioni altrui, possiamo iniziare a costruire ponti invece di muri.

Come Approcciarsi agli Altri con Curiosità

Invece di saltare immediatamente a conclusioni, prova ad avvicinarti agli altri con una mente aperta e curiosa. Invece di accusare, poni domande che invitano alla riflessione e al dialogo: “Ho notato che questo compito è stato consegnato in ritardo. C’è qualcosa che ti ha impedito di completarlo in tempo?” Questo tipo di approccio non solo facilita una comunicazione più efficace ma apre anche la strada a relazioni più autentiche e meno conflittuali.

Un Invito alla Riflessione

Invito tutti a prendere un momento per riflettere su come giudichiamo gli altri nelle nostre vite. La prossima volta che ti trovi di fronte a un comportamento che ti porta a formulare giudizi rapidi, chiediti: ci sono circostanze che potrei non conoscere? Come posso approcciarmi a questa situazione con empatia e comprensione?

Adottare un approccio empatico non cambierà solo il tuo modo di vedere gli altri, ma influenzerà anche come gli altri reagiscono a te, creando un ambiente più aperto, comprensivo e costruttivo sia a casa che sul posto di lavoro.


Sono un coach e un formatore, posso aiutarti nello sviluppo delle soft skill, nella vendita e nel marketing. I miei percorsi sono sia individuali che di team. Contattami per saperne di più: antonio@sanna.coach

Antonio Sanna

Coach | Formatore


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *