Che cos’è il Groupthink e perché è pericoloso

Oggi vi voglio parlare di una “disfunzione” che
si può verificare nei gruppi di lavoro che viene definito “groupthink”, ovvero pensiero di gruppo.
Questo fenomeno si verifica tutte le volte che in un team tutti cominciano a
pensarla nello stesso modo e nessuno
si dice in disaccordo o si arrischia ad esprimere una posizione critica
rispetto a quella prevalente, che di solito coincide con quella del capo. Apparentemente si tratta dell’antitesi del conflitto, ma in realtà
potrebbe nascondere il classico “fuoco sotto la cenere” che aspetta solo di
sprigionarsi in un bell’incendio…

In ogni caso, il pensiero unico mette in pericolo la capacità del gruppo di evitare
gli errori, visto che nessuno si arrischia a manifestare i propri dubbi
sulla linea prevalente. In questi casi, l’esempio tipico che si fa è
quello di Kennedy e della fallimentare operazione contro Cuba alla Baia dei
Porci. In quel caso, tale era il carisma del Presidente americano, che nessuno
dei suoi collaboratori lo sconsigliò dal tentare l’impresa nonostante avessero
qualche dubbio. Era più forte il groupthink, e l’esito fu disastroso per gli
Stati Uniti. E la storia può portarci tanti e tanti altri esempi del genere.

Un altro motivo di groupthink è il disimpegno da parte delle persone: le
persone non intervengono nel dire la propria opinione per paura di essere
denigrate/punite o per totale disingaggio (il pensiero tipico è “Chi me lo fa
fare? Rischio di trovarmi un altro lavoro da fare…” o simili…).

Questo
secondo caso è a mio avviso molto più grave, perché è la punta dell’iceberg di
un malessere più profondo che porterà all’abbandono da parte di risorse che, se
ben motivate, potrebbero fare la differenza (avete sentito parlare di “Great
Resignation”?).

Il fatto è che con la complessità del mondo del lavoro odierno, dal mio punto
di vista, sfavorire il confronto e il conflitto costruttivo nel team può
costare molto caro: basti pensare a quanto “costa” sia in termini economici che
psicologici formare una persona e poi perderla, magari “donandola” alla
concorrenza.

Se poi questa è una tendenza ormai consolidata nel tempo, io comincerei a farmi
qualche domanda sulla sostenibilità di un sistema che crea professionalità e
poi le espelle.

I tempi di oggi ci dimostrano che le risorse disponibili sono limitate: anche
quelle umane!

Sono un coach e un formatore, lavoro soprattutto con consulenti di vendita e manager. I miei percorsi sono sia individuali che di team. Contattami per saperne di più: antonio@sanna.coach

Antonio Sanna

Coach | Formatore


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *